Micro Wedding

L’intimità raccolta delle emozioni tra pochi cari

Micro Wedding è una delle tendenze dei matrimoni di quest’anno: sinonimo d’intimità, minuziosa cura dei particolari, profondo coinvolgimento emozionale.

Lo diceva anche Renzo Arbore sulle note di un famoso e frizzante brano dal titolo “Meno siamo, meglio stiamo”! In pochi si sta bene (se non altro) per preservare quel caloroso clima di familiarità che nei “macro” matrimoni talvolta prosciuga l’entusiasmo degli invitati.

Prendete cinquanta inviatati, o anche meno, accuratamente scelti tra parenti e amici, aggiungete un menu di nozze esclusivo, progettate un intrattenimento personalizzato, curate i piccoli dettagli (quelli che nei matrimoni tradizionali spesso sfuggono), con questa formula otterrete il vostro perfetto “micro wedding”, un evento unico e indimenticabile.

matrimonio micro

Come organizzare il Micro Wedding

Organizzare un matrimonio intimo non equivale necessariamente a risparmiare! Talvolta alcune scelte personalizzate (come la location lussuosa e intima, i menu degli invitati, le bevande da somministrare e i gadget da donare agli ospiti) possono far lievitare vertiginosamente i costi.

La prima cosa da fare dunque è stabilire un budget di riferimento e (impresa ardua) cercare di rispettarlo a cominciare dalla scelta della sala.

Con la recente moda del micro wedding torna in voga una location insolita: la casa privata. Chi ha la fortuna di possedere un’abitazione con ambienti ampi e spazi esterni è già a metà dell’opera. Chi non dispone di immobili di questo tipo, potrà allestire il ricevimento di nozze in un contesto intimo e familiare come può esserlo una villa immersa nel verde, una cantina, terrazze panoramiche e attrezzate o palazzi storici.

micro wedding

Stabilita la location vi occorrerà scegliere il catering. Tra i vantaggi del micro wedding c’è la cura del menu di nozze che può essere personalizzato e ricercato senza risparmiare sulla qualità.

Cibi e bevande, replicati per soli 50 invitati, vi permetteranno di sbizzarrirvi. Potrete proporre pietanze insolite per palati sopraffini, specialità enogastronomiche della località di residenza oppure puntare sulla quantità dei “piatti”, proposti per assecondare tutti i gusti.

micro wedding

Per ampliare l’effetto d’intimità potreste optare per l’allestimento di un unico tavolo imperiale che abbracci gli invitati. Una formula in grado di ravvicinare gli animi e ricreare una naturale percezione di familiarità e informalità.

matrimonio micro
Ph: Piero Lazzari
Creatività e personalizzazione

Il micro matrimonio lascia spazio alla creatività e alla personalizzazione a cominciare dall’intrattenimento per gli ospiti. Potreste creare un angolo artigianale, fatto proprio da voi. Una postazione in cui riservare per i vostri invitati degli oggetti fatti a mano, oppure delle wedding bag di benvenuto (con un contenuto che varia a seconda della stagione), dei giochi per l’intrattenimento dei bambini o ancora un “candy buffet”, colmo di dolci e caramelle da assaggiare e portar via. Un altro modo per dilettare i vostri ospiti è stupirli con una sorpresa inaspettata: un acrobata che si esibisce in una delle sue performance (se gli spazi lo consentono), un attore che recita un monologo, un cabarettista che con le sue battute di spirito faccia ridere a crepapelle gli invitati, potrebbero essere gli “ingredienti” giusti per rendere ancora più coinvolgenti le vostre nozze.

Intrattenimento matrimonio
Ph: Piero Lazzari
intrattenimento matrimonio
Ph: Piero Lazzari

Un mini-matrimonio vi concede il lusso di non esasperarvi durante l’organizzazione del matrimonio e nella gestione di tanti invitati.
Risparmierete sullo stress e rifuggendo l’insopportabile paura che qualcosa vada storto dopo aver investito ingente tempo, denaro, risorse fisiche e mentali.

È una scelta che negli ultimi tempi ha trovato il largo consenso degli sposi che hanno deciso di rinunciare alla tradizione, preservando l’anima privata e intima della cerimonia.

Potrebbe piacerti anche
Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

© Nozze in Città